Fotografare con la luce fluorescente

L’illuminazione fluorescente solitamente proviene da pannelli posti in alto, e non si tratta di una sorgente di luce lusinghiera. La luce potrebbe creare ombre negli occhi o essere diffusa e senza direzione.
Alcuni consigliano di intervenire sul bilanciamento del bianco della fotocamera, ma cio’ non basta.
Usando un flash indipendente dalla fotocamera le vostre immagini trarranno decisamente vantaggio .
Il segreto per riuscire a gestire la luce fluorescente con un flash consiste nel far corrispondere il bilanciamento del flash con quello della luce fluorescente. Per farlo bisogna mettere una gelatina sul flash verde.
Le gelatine sono di diversi tipi e permettono di far passare una fonte luminosa da una temperatura di colore ad un’altra.
Se non mettete la gelatina verde, la pelle del vostro soggetto sarà estremamente scolorita.
Dopo aver messo la gelatina sul flash è consigliabile un gray card come quello che si vede in figura tenuto tra le mani della ragazza.
Con questa accortezza si punterà su un punto neutro (grigio) della nostra gray card, e manterremo questo scatto nel nostro archivio all’interno della fotocamera; importante è fotografare con foto RAW e non jpeg .
Una volta che abbiamo fotografato e siamo nella fase di post produzione , prendiamo la prima foto con la ragazza che tiene in mano la gray card e prendiamo il contagocce del nostro Bilanciamento del bianco e andiamo a correggere in modo che la foto appaia migliore. Corretto la temperatura di colore , selezioniamo tutte le foto insieme alla prima e le sincronizziamo cosi da effettuare in un unico passaggio la correzione della temperatura , in modo tale da guadagnare molto tempo anzichè riprendere una foto alla volta.

Un ulteriore consiglio per lavorare meno in post produzione è quello di controllare ed eventualmente correggere il bilanciamento del bianco al momento, considerando che se il soggetto si muove dovete rieffettuare la modifica dello stesso, perchè  basta pochissimo che la foto assorba nuovi riflessi, pertanto quando fotografate guardate già il risultato sul display e se la temperatura è cambiata per via di muri bianchi o gialli o altre dominanti di colore tornate nuovamente ad usare la gray card.

Quindi riassumendo: gelatina sul flash che si acquista in qualsiasi negozio di articoli fotografici , fare una foto di prova se il colore tende al verde andare a modificare il bilanciamento del bianco togliendolo da automatico ma personalizzandolo xxxx K . Poi consigliabile per un risultato ancora più preciso l’uso della gray card e fare una prima foto al grigio , una volta in post produzione prendere come riferimento la prima foto per le altre successive di quel punto della scena, se cambia la scena è ovvio che cambierà la temperatura colore.

E ora buon divertimento!

Tratto da “Fotografare con una luce impossibile”  di Lindsay Adler e Erik Valind ” PEARSON. € 24.
Il libro è estremamente interessante in ogni suo passaggio , ve lo consiglio !
Sotto fotografia senza gelatina verde

28786_628520850494107_767436671_n

Sotto gelatina verde sul flash

1010368_628520853827440_1193488114_n

Sotto gray card e il pannello per la correzione del bianco in lightroom

968843_628520837160775_1976867923_n

1069234_628520847160774_676784585_n

Risultato finale

12335_628520920494100_171755487_n