#coglioneNO , NOFREEJOBS il lavoro diventa beneficienza

I videoclip della campagna #coglioneNO (in breve: tre clip in cui il lavoro del «creativo», cioè tutte le professioni che amici e parenti catalogano alla voce «lavorare divertendosi», viene comparato a quello dell’idraulico che nessuno si sogna di non pagare) li hanno visti, in 48 ore, 450 mila persone e il web si anima di commenti e conferme.

Per questa campagna sono stati creati 3 soggetti che hanno come protagonisti appunto un idraulico, un antennista ed un giardiniere, i video sono ideati e girato da Stefano De marco, Niccolò Falsetti e Alessandro Grespan. A completare il team ci sono Luca Di Giovanni nei panni dello sfruttatore di turno, e Benjamin Maier alla fotografia.

Nel primo video c’è un hipster insopportabile che non paga l’idraulico chiamato per sistemare lo scarico del bagno.

Nel secondo un tizio in canotta e baffetti, con vago accento del centro Italia, dice all’antennista: “Sei giovane, hai fatto n’esperienza”

Nel terzo c’è un riccastro romanaccio che al giardiniere dice: Te sto a dà l’occasione de lavorà in un giardino d’un certo tipo

UN VIDEO SATIRA SUL MONDO DEGLI STAGE 

Altra campagna di sensibilizzazione e protesta iniziata alla fine del 2011 è quella portata avanti da NO FREE JOBS , riporto sotto l’articolo di linkiesta.it.
E’ iniziato tutto ieri, e oggi è esplosa la rivolta con tutta l‘indignazione, l’energia e la velocità di condivisione che hanno i social media. Stronco pubblica un post su WikiCulture dal titolo “Caro blogger, ti pago 20 euro al mese e tu mi scrivi 40 pezzi”.In pratica una Società editoriale è disposta a pagare 50 centesimi per post, un sacco di soldi. Chi non aspira a tale retribuzione? Basta un mese e mezzo di lavoro per potersi permettere la pizza al ristorante. Per i maschietti che vogliono invitare le femminucce ne servono tre.Esiste un modo per guadagnare 20 euro senza perdere la dignità? Certo eStronco elabora una lista alternativa. Ad esempio “Montare su un piedistallo in piazza del duomo e rimanere fermi, cercando di fare la statua umana, basteranno poche ore e poi ti paghi anche la lezione di stretching in palestra. Mettersi a cantare lungo una delle vie dello shopping, se sei bravo guadagni, se non sei bravo ti pagano per smettere. Pescarli di notte dalla vasca portafortuna della tua città”. Semplice e sicuramente più divertente che stare davanti allo schermo del pc, per guadagnare il grasso bottino di 50 centesimi a pubblicazione.Paolo Ratto, condivide sulla sua pagina Facebook il post commentando “Gratis non si lavora. Si ozia”. E’ una frase che riscuote il plauso di molti. Cristina Simone la twitta, crea l’hashtag #nofreejobs e chiede agli altri di aiutarla segnalando offerte di retribuzione ridicole.
In poche ore, grazie anche all’aiuto di Web in Fermento che ha contribuito a pubblicizzare la notizia, viene creata una nuova pagina Facebook No free jobs, viene recuperata e arricchita la “Mappa delle proposte di stage indecenti” e nascono centinaia di cinguettii su Twitter di utenti che hanno ricevuto proposte imbarazzanti di lavoro gratis o sottopagato. Potete scrivere la vostra, nessuno è solo nel bagnomaria della disoccupazione galoppante.La frase classica degli sfruttatori la sintetizza Matteo Castellani “Lavorare gratis, grasso che cola, sai la crisi. Ti facciamo fare esperienza, ti lamenti? Un contratto? Ne riparliamo poi, forse”,
Mentre la soluzione la offre Claudio Gagliardini “Il lavoro si paga altrimenti torniamo al baratto che è meglio per tutti”.Io propongo di fare Santo subito Claudio: niente stress da spread, niente pensioni d’oro per i politicanti, niente disoccupazione.

Sotto invece trovate le frasi spesso usate per non pagare : fonte nofreejobs pinterest

eaf28164549c4049a6a856c1cfccdc1e6e549edd7a937b5fcaa772f4566d22ccaeb8f3169430e2e027ce4b36c31355b40fc78e8ef4edb88c1edd10b9d3f2be632ec1b21380bdedd71fecd9aa9e4b8b953052187019a7c8f757ea911680f1fd0c6d321685c84af60391a67da55b3b431d7fb190eef0d548f42d5631a6f2548e241de938f83f2d87f6ebd8f089db3ed71847efcd052c9f8914ada195402d085a990a25629d25a5045a51ef54cf2c40acad184bf8fddfb323b2f56ce00cc1c56a81 05793ac9473317e9b371fea0627598a39285cc1d95e6b73c1b08c845762ed2c4 37269e355e8025c8eb914ea2896224bb a54aeed10b907fdea3e918ee7e21fa4f  b3da113dbbbaa721812bf03cd4ecb5ab b1937002d45dfb739d9c0c76c9004f8bbea436b85a9751b93413643d91b15086 c9297770d78bc91d8d6d8b6a067353d4 d05d68edf3d0584321a16c41a9125184 d6e0fb9912a47d6046ae524a26bd9f50da287b001b802a0d7af64a3fae2669e0  fba62056ab47f34a9b8a59f27fded142