blog
Lascia un commento

Clizia Sargentini per il progetto S&G Disability

Ciao a tutti! Sono Clizia e ho 23 anni. È abbastanza palese che ci sia qualcosa di “anormale” in me,ma se vi chiedessero che cosa ho,sono sicura che nessuno saprebbe rispondere. La cosa è più semplice di quanto si possa immaginare. Madre Natura ha ben pensato di farmi un “meraviglioso regalo” assegnandomi l’Acondroplasia. So benissimo che a primo impatto può sembrare un messaggio in codice dell’FBI o dell’agente 007,ma in realtà è una delle forme più comuni di nanismo anche se nell’ironia del caso,è una malattia rara. Ovviamente essere nata afferra da Acondroplasia(O signore,che ribrezzo a pronunciare questa fase!)non bastava. Infatti Madre Natura ha ben pensato di assegnarmi tutte le complicazioni che questa “compagna di vita” comporta. Diciamocelo. La vita è una sfida/lotta continua,figuriamoci per un essere acondroplasico. Oltre che a combattere con le barriere architettoniche,gli sguardi e le domande inopportune della gente,devi combattere anche con te stessa. Almeno questo è ciò che capita a me,visto che vorrei fare 100 ma il mio corpo mi fa fare solamente 30 se tutto va bene. Ci sono vari tipi di sguardi. Sguardi che ti seguono fino a che non giri l’angolo,sguardi che fanno finta di fissarti,quando in realtà ti hanno fatto già due volte la radiografia dalla testa ai piedi e quelli pieni di pietismo. Quando sei piccola non ti rendi minimamente conto di che “regalo” la vita ti abbia fatto. Pian piano capisci però che c’è qualcosa di diverso, visto che sei la metà della metà rispetto agli altri bambini,ma spiegarlo a parole non ne sei capace. Non sei in grado di dimostrare al mondo che in fondo qualcosa vali anche tu,nonostante sei oggettivamente diversa. Lo capisci crescendo, anche se l’imbecille di turno lo troverai sempre. Nella vita di una persona affetta da questa malattia, la cosa più importante e difficile da intraprendere, sono gli interventi di allungamento. Il tutto ebbe inizio nel lontano Agosto 2006 e terminò a Marzo 2008. Per non avere rimpianti, li intrapresi di nuovo a Maggio 2010 per terminare a Gennaio del 2012. Dai 116cm di partenza, sono arrivata a 142cm. Ovviamente non abbiamo raggiunto i livelli delle stangone hollywoodiane, ma rispetto a prima non c’è paragone. Adesso dobbiamo fare qualche passo indietro. Infatti all’inizio vi ho detto che mi sono beccata tutte le complicazioni che quest’Acondroplasia comporta. Ed è proprio così, visto che faccio parte di quel 10% che ha anche il problema, tra l’altro il più grande, alla colonna vertebrale. Per farla breve se non mi operavo subito, non avrei camminato più. E fu così che arrivò il fatidico giorno, per l’esattezza il 15 ottobre 2012 e per 12 lunghissime ore la mia vita era appesa a un filo. Mi sono ritrovata così con una vertebra sostituita e due barre per sostenere il mio tronco. Fortunatamente andò tutto bene, anche se la sensibilità della gamba sinistra è andata a farsi benedire. Come se non bastasse dopo 2 anni, sono tornata in sala operatoria visto che queste barre mi si ruppero. Stesso procedimento, ma questa volta anziché di averne due, me ne misero quattro. Pensiate sia finita vero? In realtà no. A Settembre 2015 intrapresi il percorso di allungamento per gli arti superiori. Per l’esattezza 10cm di allungamento. Il tutto terminò l’anno successivo. Naturalmente ci sarebbero ancora tantissime cose da dire su quest’esperienze, ma in fondo devo solo presentarmi e non raccontarvi la mia cartella clinica! Visto che sono una ragazza “anormale”,lo sono anche i miei gusti e le mie passioni. Infatti se pensate che mi emozioni davanti ad un paio di Louboutin vi sbagliate di grosso. Mi emoziono davanti ad un tramonto e ad uno skyline Neworkese. Infatti rimarrei ore ed ore ad ammirarlo. Impazzisco anche quando sento parlare uno spagnolo. Il loro accento mi manda letteralmente in tilt. La mia più grande passione è il cinema.  Infatti uno dei miei più grandi sogni nel cassetto, è poter entrar a far parte di questo mondo in un futuro non troppo lontano. Talmente grande che basta pensare che durante la notte degli oscar ho le farfalle nello stomaco. Amo anche la musica e tutto ciò che riguarda l’arte in generale. Credo di aver raccontato abbastanza. Ovviamente questa è solo una piccola parte della Clizia. Spero di non avervi annoiato.

Un saluto.

Cli

IMG_8814LIMG_8828LIMG_8844LIMG_8847LIMG_8850L

This entry was posted in: blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...