All posts filed under: psicologia

Intervista e fotografie di Micaela Zuliani su ForSalus dedicato questo mese ai disturbi del comportamento alimentare.

Finalmente è uscito il numero di Ottobre di ForSalus , una rivista trimestrale che parla di sanità e salute, questo mese è interamente dedicato alla prevenzione e alla cura dei disordini del comportamento alimentare. La monografia sarà distribuita in occasione del Convegno “Le prigioni del cibo” che si terrà al CEFPAS dal 7 all’8 ottobre. In tutta la rivista sono state pubblicate gran parte delle foto del progetto  “Nessuno se n’è accorto” da me realizzato, oltre alle due copertine.  All’interno trovate il mio articolo – intervista, essendo stata anch’io malata di anoressia e bulimia in passato per oltre 10 anni.  INTERVISTA: Titolo emblematico quello del nuovo progetto fotografico di Micaela Zuliani, fotografa di Portrait de Femme attenta al sociale che negli ultimi anni ha realizzato diverse campagne di sensibilizzazione su temi quali femminicidio, lotta contro il cancro, dipendenze, discriminazioni, disabilità. Ideatrice dei progetti Boudoir Disability e Portrait de Femme Therapy, questa volta il fuoco è sui disturbi del comportamento alimentare, seconda causa di morte tra i giovani prima degli incidenti stradali.Un titolo come al solito provocatorio, …

Il sesso influenza la condizione umana?

Questa domanda se l’è posta Jo Broughton, donna delle pulizie, diventata assistente e poi fotografa . S’intitola Empty Porn Sets il progetto della fotografa britannica Jo Broughton che esplora dei luoghi molto particolari: i set dei film porno. Set vuoti, deserti, senza attori o registi che l’artista ha immortalato ai tempi del suo lavoro come addetta alle pulizie, una volta che tutte le scene del giorno erano state girate. Le foto di Jo ci mostrano letti sfatti, scenari da giungla, enormi pacchi regalo, centinaia di palloncini e molto altro ancora, raccontando l’altro lato di un mondo che siamo generalmente abituati ad etichettare come squallido e al quale non prestiamo quasi mai attenzione. [continua]

NESSUNO SE N’E’ ACCORTO

NESSUNO SE N’E’ ACCORTO è il nuovo progetto fotografico di Micaela Zuliani, stavolta affronta il tema dei disturbi alimentari, anoressia e bulimia, che ricordiamo sono la seconda causa di morte tra i giovani. “Nessuno se n’è accorto” un titolo come al solito provocatorio, apparentemente un accusa, in realtà è un fatto che chi soffre di questa malattia tiene nascosto il malessere, la sofferenza, la rabbia agli altri come a se stesso. “Ci tenevo ad andare oltre il cliche’ che vuole vedere sempre la malattia dei disturbi alimentari come associazione cibo/bilancia. Solitamente anche nei progetti fotografici cercati c’e’ sempre e solo questo. Io invece volevo far capire cos’è veramente: il pensiero fisso costante protratto nel tempo che rallenta, offusca, spegne ogni energia ed entusiasmo. Si nutre di rabbia, odio per se stessi, silenzi, urla sopite e trattenute a forza. Fai male a te per non far male a chi ami e ti ha deluso. Ammettere il dolore che si prova e la delusione e’ come morire. Il cibo, il peso, rincorrere la perfezione delle modelle sono solo …

La fotografia come mezzo terapeutico.

BELLISSIMO ARTICOLO scritto da LILT BOLOGNA : “Il significato degli scatti di Zuliani sta nello spostare il racconto della malattia, dal dramma alla bellezza della vita. “Io voglio parlare di donne, di speranza, di gioia, di vita – spiega infatti la fotografa – spostando l’attenzione dalla cicatrice alla donna stessa, raccontando i suoi occhi, il suo viso, il suo corpo, valorizzandoli”. continua : http://www.legatumoribologna.it/news/ottobre-ritratto-signora

ADOLESCENZA E FOTOGRAFIA intervista a Micaela Zuliani, autrice del libro Manuale di fotografia e photoshop per ragazzi.

Finalmente è online l’intervista che mi ha fatto Davide Cardilli collaboratore dell’ Ubiminor, portale dell’adolescenza inquieta, un sito questo che ritengo molto utile a tutti i genitori e coloro che vivono in stretto contatto con bambini e ragazzi. Si parla di ADOLESCENZA E FOTOGRAFIA! Inoltre da settembre farò parte dei collaboratori Ubiminor , scrivendo periodicamente un articolo inerente all’apprendimento e alla fotografia. “Penso che oggi essere giovane sia molto difficile; ci sono poche certezze e gli adulti hanno perso la capacità di sognare e tramandare alle nuove generazioni speranza, ottimismo e la determinazione di lottare in ciò in cui si crede. Inoltre ritengo che le ragazze ed i ragazzi non vengano considerati né ascoltati abbastanza dagli adulti, spesso immaturi o troppo indaffarati. Credo che la fotografia sia molto importante in questa età ricca di trasformazioni; penso possa essere uno strumento per sviscerare certe emozioni che con la parola magari risulta essere più difficoltoso esprimere”. http://www.ubiminor.org/interventi/apprendimento/1317-adolescenza-e-fotografia-intervista-a-micaela-zuliani-autrice-di-manuale-di-fotografia-e-photoshop-per-ragazzi.html Ciao Micaela, mi fai una tua breve biografia? Sono Micaela Zuliani e ho 44 anni. Dopo gli studi magistrali ho …

Ti senti “Bella” o “nella media” ? (video)

Due porte: una per le “Belle”, un’altra pronta ad accogliere chi è “Nella media”.Voi quale scegliereste? La risposta non è ovvia, come dimostra la nuova campagna Dove, #ChooseBeautiful. Lanciata il 7 aprile, è un nuovo passo nella politica del brand per valorizzare la bellezza naturale.Due pannelli sulle porte degli edifici di cinque diverse città del mondo: una telecamera nascosta per registrare le reazioni delle donne che entrano. Qualcuna, perplessa, sceglie una porta a caso: qualcun’altra ci pensa e poi, sorridendo, varca la porta “Beautiful”, molte, quasi tutte, passano per “Average” con rassegnazione. Qualcuna si pente poi della scelta fatta. Troppe credono che la bellezza sia un ideale lontano, come l’adolescente inglese che sta per imboccare la porta “media”: ci pensa la mamma a farle cambiare strada con uno strattone (e una risata). Perché sua figlia e bella, esattamente come ogni donna, indipendentemente dal mondo e dagli stereotipi del momento. La bellezza è una scelta, e quella mamma lo sa: lo sa anche Dove, che invita le donne ad affrontare la vita passando spavalde dalla porta …