All posts tagged: autostima

CHOOSE YOUR SHOOTING !

Tante tipologie di shooting pensate per voi con PORTRAIT DE FEMME ® Si realizzano servizio fotografici Boudoir, Lifestyle – Book Character per cinema – Business – Model Glamour – Addio al Nubilato – Maternity Visita il sito e scegli il tuo servizio fotografico : http://www.portraitdefemme.eu/shoot.html

NESSUNO SE N’E’ ACCORTO

NESSUNO SE N’E’ ACCORTO è il nuovo progetto fotografico di Micaela Zuliani, stavolta affronta il tema dei disturbi alimentari, anoressia e bulimia, che ricordiamo sono la seconda causa di morte tra i giovani. “Nessuno se n’è accorto” un titolo come al solito provocatorio, apparentemente un accusa, in realtà è un fatto che chi soffre di questa malattia tiene nascosto il malessere, la sofferenza, la rabbia agli altri come a se stesso. “Ci tenevo ad andare oltre il cliche’ che vuole vedere sempre la malattia dei disturbi alimentari come associazione cibo/bilancia. Solitamente anche nei progetti fotografici cercati c’e’ sempre e solo questo. Io invece volevo far capire cos’è veramente: il pensiero fisso costante protratto nel tempo che rallenta, offusca, spegne ogni energia ed entusiasmo. Si nutre di rabbia, odio per se stessi, silenzi, urla sopite e trattenute a forza. Fai male a te per non far male a chi ami e ti ha deluso. Ammettere il dolore che si prova e la delusione e’ come morire. Il cibo, il peso, rincorrere la perfezione delle modelle sono solo …

BOUDOIR DISABILITY tutte le foto

Qui sotto trovate l’intero servizio fotografico che ha spopolato internet, radio e sui magazine. E finalmente si può dire “basta con questi canoni estetici perfetti, valorizziamo la diversità con la sensualità!” Progetto Boudoir Disability  un’idea diabolica di Micaela Zuliani – Portrait de Femme e Valentina Tomirotti Pepitosa blog. A colori e in bianco e nero :

Portrait de Femme su IL FATTO QUOTIDIANO!

Boudoir disability, quando un corpo non perfetto esalta la femminilità. Boudoir disability è un progetto forte che stravolge ogni stereotipo visivo e sociale usando sensualità e provocazione, una provocazione “leggera e positiva” per sfatare miti, tabù, paure, discriminazioni. Ma dietro a tutto questo c’è il diritto di essere persona e donna, non di serie B. Immaginate una carrozzina, con un corpo adagiato solo per viverci ed essere traghettato. Un corpo che è, prima di ogni altro oggetto, una donna, che piace e si piace, che sa giocare con la propria sensualità fuori da ogni stereotipo. La fine di un tabù. La difficoltà di associare la disabilità all’essere femminile e al sentirsi donna, col giusto carico di sensualità, è ancora argomento off-limits nel nostro Paese. La fotografia di un corpo non perfetto porta a delle domande e a vivere emozioni o sentimenti contrastanti. Micaela Zuliani (fotografa di Portrait de Femme, sempre attenta a rappresentare il mondo femminile reale, fuori dagli stereotipi) e Valentina Tomirotti (blogger e, come si definisce lei stessa, “giornalista a rotelle”) ci raccontano il loro progetto. (se non riesci a vedere il video vai qua : video) Perché avete scelto …