All posts tagged: woman

WORKSHOP FOTOGRAFIA BOUDOIR

Sabato 8 e domenica 9 aprile : WORKSHOP FOTOGRAFIA BOUDOIR – il 1° in Italia. Micaela Zuliani diffonde in Italia il Boudoir, autrice del libro Fotografia Boudoir. Aperte le prenotazioni mkzphotocom@gmail.com Il corso offre le basi per fotografare ogni tipo di donna senza esperienza di posa, stimola a guardare l’unicità di ogni soggetto e a raccontarne bellezza e carattere. http://www.portraitdefemme.eu/workshop_fotografia_boudoir.html Programma dettagliato sul sito. NB Le foto sotto pubblicate sono dei soggetti gentilmente autorizzate, le foto che realizzo le potete vedere sul sito. Video del backstage workshop di gennaio

REGALI DI NATALE SOLIDALI

 REGALI DI NATALE SOLIDALI : IL BOUDOIR FA BENE 1) acquista il calendario benefico Boudoir Disability : l’arma migliore per abbattere le barriere è la bellezza, l’unicità, il sorriso, l’armonia. Contributo libero minimo di 5 euro, tutto il ricavato andrà in beneficienza alla Fondazione Mantovani Castorina Onlus http://www.portraitdefemme.eu/boudoir_disability.html senza scadenza  2) acquista il libro “Fotografia Boudoir ” di Micaela Zuliani (solo versione pdf al prezzo esclusivo di 10 € (prezzo normale in pdf € 15) entro il 24/12/2016 per acquistare inviare una mail a info@portraitdefemme.it con oggetto: calendaio benefico o libro tutto il ricavato andrà in beneficienza alla Fondazione Mantovani Castorina Onlus

IDEE REGALO PER NATALE

❤ IDEE REGALO PER NATALE per te o per chi ami ❤   **SERVIZI FOTOGRAFICI ** – servizio fotografico per LEI con Portrait de Femme visita il sito : http://www.portraitdefemme.it (c’è una promozione attiva, per Natale anzichè pagare € 250 paghi € 150 !) – servizio fotografico per LUI con Portrait de Men visita il sito : http://www.portraitdemen.it – servizi fotografici sensuali per la coppia: http://www.fotografiaboudoir.it/gallery.html – maternity, baby, addio al nubilato, femme fatale anni 50 .   ** CORSI ** – workshop di Fotografia tra amiche : (gennaio) imparare a fotografare seriamente non è mai stato cosi divertente! pernottamento incluso da chi viene fuori Milano (solo x donne) – info https://micaelazuliani.live/2016/12/12/workshop-di-fotografia-tra-amiche-2/ – workshop di Fotografia Boudoir (gennaio) http://www.portraitdefemme.eu/formazione.html   ** LIBRI ** – “Manuale di fotografia per ragazzi ” per ragazzi o adulti – “Manuale di fotografia e photoshop per ragazzi ” per ragazzi o adulti – “Fotografia Boudoir ” specifico . https://micaelazuliani.com/libri-di-fotografia/

PORTRAIT DE FEMME ANTICIPA TUTTI !

PORTRAIT DE FEMME ANTICIPA SEMPRE TUTTI e IN ITALIA HA IL PRIMATO !!! Dal 2011 ad oggi (dimostratemi il contrario 😉 ) il primo brand che si è rifiutato di ritoccare con photoshop le donne in modo invasivo è stato Portrait de Femme, volendo fermamente rappresentare la Donna vera ed autentica e andando anche contro alcune clienti che chiedevano il ritocco estetico, ma la scelta si è dimostrata vincente! Rarissimi casi di fotografi all’estero negli anni successivi hanno adottato la stessa scelta. Leggo che solo nel 2014 AERIE brand AMERICANO specializzato nel campo dell’abbigliamento e della lingerie, ha rinunciato al Photoshop per le sue campagne pubblicitarie, premiando modelle senza ritocchi.  (leggi l’articolo) Oggi in Italia Portrait de Femme CONTINUA su questa filosofia e ottiene un ulteriore traguardo: collaborando con il marchio esclusivo Christies lingerie realizza la nuova campagna Boudoir Disability in cui si va oltre photoshop o le curve, stavolta si dà la possibilità VERAMENTE A TUTTE LE DONNE, anche quelle con disabilità di sentirsi sexy con capi straordinariamente sexy ! 😉 Ma dato che Portrait de Femme …

La fotografia come terapia? intervista a Micaela Zuliani .

Esce questa settimana su ORA un nuovo articolo che parla del progetto Boudoir Disability , stavolta però la giornalista Stefania Castella svela qualcosa in più della fotografa Micaela Zuliani….si sa che i fotografi amano raccontare più gli altri che se stessi ! Micaela, la tua fotografia è una sorta di terapia… Sicuramente. Credo che nelle foto ci sia tanto di me mischiato con il soggetto. Quando ho iniziato avevo molta rabbia e tanto da dire, ma non sapevo come fare, è venuto tutto di getto con gli autoritratti. Può essere una sorta di terapia o anche un modo per conoscersi. Ora mi piace raccontare storie ed è come se lo facessi anche per me. Parliamo dei tuoi progetti ? Riguardano la valorizzazione delle donne, un’unicità senza distinzioni. Voglio affrontare temi come la violenza, i disturbi alimentari, il dolore che lascia la malattia. La diversità è un punto di vista, spinge a guardare oltre. Oltre le barriere. EDUCATRICE E FOTOGRAFA Micaela Zuliani unisce due professioni a lei care, l’educatrice e la fotografa. Terminati gli studi magistrali lavora per 15 anni …